Accedi al portale - Non fai parte della nostra community? Registrati è gratis!
GeoLIVE
4/11/2023 18:28 - Il rollout degli aggiornamenti relativi alla moderazione è ancora in corso, e durerà fino alle 22:30 di lunedi, ci potranno essere sporadici disservizi nel corso della giornata.


 
/ Forum / PREGEO e DOCFA / DOCFA / Variazione da C3 a C6 prima del rogito
Forum

Parole da cercare:
Cerca su:

SEGUI ARGOMENTO

Pagine:  2 - Vai a pagina  successiva

Autore Variazione da C3 a C6 prima del rogito

helix46

Iscritto il:
20 Aprile 2024 alle ore 18:11

Messaggi:
11

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 07:44

Buongiorno a tutti, scrivo qui perchè ho un quesito da chiedere ed avendo letto diversi argomenti credo che possiate darmi una mano.
Ho intenzione di acquistare un magazzino C3. Questo magazzino è il risultato di una suddivisione.
Nasce come C1 dove veniva effettuata Officina Meccanica, adesso che stanno vendendo hanno divise in due parti ed accatastati come C3.
Avendo un'immobile in zona, pensavo di potere acquistare come un c6 cosicchè da poter pagare meno di tasse sull'atto notarile ed anche per l'esenzione IMU prima casa.
Il proprietario mi dice che i magazzini erano c1 e che l'architetto gli ha detto che sarebbe stato piu facile passare a c3 e poi a c6.
Lo stesso proprietario mi dice che bisogna effettuare la vendita come c3 e poi successivamente chiedere io il cambio a c6, cosa che a me non converrebbe visto che andrei a perdere l'agevolazione per l'acquisto. Non può fare il cambio c2-c3-c6 e poi io acquistare?
Ho provato a sentire l'architetto che ha redatto il tutto e continua a dirmi che se voglio fare la variazione la devo fare io solo dopo il rogito.
Ma perché?
Non posso fare tutto prima ovviamente pagando?
Adesso, dopo aver presentato CILA e DOCFA, risulta come C3.
Prima dell'atto è possibile effettuare nuovamente variazione da C3 a C6 e poi quindi acquistare?
Da premettere che il secondo magazzino nato dalla suddivisione lo prende la sorella e lo stesso architetto gli ha detto che sempre e solo dopo il rogito bisogna fare la variazione da C3 a C6 e quindi chiedere passo carrabile.
Non converrebbe anche a lei visto e considerato che acquisterebbe come pertinenza della casa anche lei e pagando meno tasse visto che non si paga il 9%?
Sto sbagliando qualcosa io da ignorante?
Sto cercando di poter capire qualcosa ed il motivo per quale mi viene negato il favore.
L'uso che dovrei farne io è quello di un c6.
Cosa mi consigliate? Come conviene muovermi?
Il passo carrabile viene ottenuto facilmente sia che sia c3 o c6?
Pro e contro di avere il box pertinenziale alla casa?
Risiedo nel comune di Palermo.
Intanto grazie a tutti anticipatamente.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

 

Autore Risposta

Manero

Iscritto il:
11 Agosto 2022 alle ore 12:24

Messaggi:
170

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 10:36

"helix46" ha scritto:
Buongiorno a tutti, scrivo qui perchè ho un quesito da chiedere ed avendo letto diversi argomenti credo che possiate darmi una mano.
Ho intenzione di acquistare un magazzino C3. Questo magazzino è il risultato di una suddivisione.
Nasce come C1 dove veniva effettuata Officina Meccanica, adesso che stanno vendendo hanno divise in due parti ed accatastati come C3.
Avendo un'immobile in zona, pensavo di potere acquistare come un c6 cosicchè da poter pagare meno di tasse sull'atto notarile ed anche per l'esenzione IMU prima casa.
Il proprietario mi dice che i magazzini erano c1 e che l'architetto gli ha detto che sarebbe stato piu facile passare a c3 e poi a c6.
Lo stesso proprietario mi dice che bisogna effettuare la vendita come c3 e poi successivamente chiedere io il cambio a c6, cosa che a me non converrebbe visto che andrei a perdere l'agevolazione per l'acquisto. Non può fare il cambio c2-c3-c6 e poi io acquistare?
Ho provato a sentire l'architetto che ha redatto il tutto e continua a dirmi che se voglio fare la variazione la devo fare io solo dopo il rogito.
Ma perché?
Non posso fare tutto prima ovviamente pagando?
Adesso, dopo aver presentato CILA e DOCFA, risulta come C3.
Prima dell'atto è possibile effettuare nuovamente variazione da C3 a C6 e poi quindi acquistare?
Da premettere che il secondo magazzino nato dalla suddivisione lo prende la sorella e lo stesso architetto gli ha detto che sempre e solo dopo il rogito bisogna fare la variazione da C3 a C6 e quindi chiedere passo carrabile.
Non converrebbe anche a lei visto e considerato che acquisterebbe come pertinenza della casa anche lei e pagando meno tasse visto che non si paga il 9%?
Sto sbagliando qualcosa io da ignorante?
Sto cercando di poter capire qualcosa ed il motivo per quale mi viene negato il favore.
L'uso che dovrei farne io è quello di un c6.
Cosa mi consigliate? Come conviene muovermi?
Il passo carrabile viene ottenuto facilmente sia che sia c3 o c6?
Pro e contro di avere il box pertinenziale alla casa?
Risiedo nel comune di Palermo.
Intanto grazie a tutti anticipatamente.



Ti conviene andare a comprare un garage gia censito in C6 con rendita definitiva.

L'Agenzia delle entrate ed il catasto sono attrezzate in questi casi e sanno perfettamente che è una manovra per pagare meno tasse e quindi è molto facile che il contratto e l'accatastamento saranno oggetto di accertamento.

Anche il suggerimento dell'Architetto non serve a nulla poichè all'atto di compravendita andresti a pagare imposte che non devi pagare, visto che cerchi un garage e ti ritrovi un laboratorio con il quadruplo delle imposte da versare. Lascia stare.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

helix46

Iscritto il:
20 Aprile 2024 alle ore 18:11

Messaggi:
11

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 10:42

"Manero" ha scritto:
"helix46" ha scritto:
Buongiorno a tutti, scrivo qui perchè ho un quesito da chiedere ed avendo letto diversi argomenti credo che possiate darmi una mano.
Ho intenzione di acquistare un magazzino C3. Questo magazzino è il risultato di una suddivisione.
Nasce come C1 dove veniva effettuata Officina Meccanica, adesso che stanno vendendo hanno divise in due parti ed accatastati come C3.
Avendo un'immobile in zona, pensavo di potere acquistare come un c6 cosicchè da poter pagare meno di tasse sull'atto notarile ed anche per l'esenzione IMU prima casa.
Il proprietario mi dice che i magazzini erano c1 e che l'architetto gli ha detto che sarebbe stato piu facile passare a c3 e poi a c6.
Lo stesso proprietario mi dice che bisogna effettuare la vendita come c3 e poi successivamente chiedere io il cambio a c6, cosa che a me non converrebbe visto che andrei a perdere l'agevolazione per l'acquisto. Non può fare il cambio c2-c3-c6 e poi io acquistare?
Ho provato a sentire l'architetto che ha redatto il tutto e continua a dirmi che se voglio fare la variazione la devo fare io solo dopo il rogito.
Ma perché?
Non posso fare tutto prima ovviamente pagando?
Adesso, dopo aver presentato CILA e DOCFA, risulta come C3.
Prima dell'atto è possibile effettuare nuovamente variazione da C3 a C6 e poi quindi acquistare?
Da premettere che il secondo magazzino nato dalla suddivisione lo prende la sorella e lo stesso architetto gli ha detto che sempre e solo dopo il rogito bisogna fare la variazione da C3 a C6 e quindi chiedere passo carrabile.
Non converrebbe anche a lei visto e considerato che acquisterebbe come pertinenza della casa anche lei e pagando meno tasse visto che non si paga il 9%?
Sto sbagliando qualcosa io da ignorante?
Sto cercando di poter capire qualcosa ed il motivo per quale mi viene negato il favore.
L'uso che dovrei farne io è quello di un c6.
Cosa mi consigliate? Come conviene muovermi?
Il passo carrabile viene ottenuto facilmente sia che sia c3 o c6?
Pro e contro di avere il box pertinenziale alla casa?
Risiedo nel comune di Palermo.
Intanto grazie a tutti anticipatamente.



Ti conviene andare a comprare un garage gia censito in C6 con rendita definitiva.

L'Agenzia delle entrate ed il catasto sono attrezzate in questi casi e sanno perfettamente che è una manovra per pagare meno tasse e quindi è molto facile che il contratto e l'accatastamento saranno oggetto di accertamento.

Anche il suggerimento dell'Architetto non serve a nulla poichè all'atto di compravendita andresti a pagare imposte che non devi pagare, visto che cerchi un garage e ti ritrovi un laboratorio con il quadruplo delle imposte da versare. Lascia stare.





Oramai ho dato caparra ed in zona di magazzini non c'è ne stanno quindi lo prenderò ugualmente.

Volevo solo capire se c'era modo di risparmiare qualcosa.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

Manero

Iscritto il:
11 Agosto 2022 alle ore 12:24

Messaggi:
170

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 11:19

"helix46" ha scritto:


Oramai ho dato caparra ed in zona di magazzini non c'è ne stanno quindi lo prenderò ugualmente.

Volevo solo capire se c'era modo di risparmiare qualcosa.





Quindi la convenienza sta sul prezzo concordato. Fatti bastare questo risparmio già acquisito.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

helix46

Iscritto il:
20 Aprile 2024 alle ore 18:11

Messaggi:
11

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 17:26

Bhè, perchè? Mica ho parlato di prezzo ancora.

Io potrei anche tenere tranquillamente il C3 ci mancherebbe..

La domanda era solo per sapere se c'è qualche motivazione a non fare la variazione prima ma dopo..

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

Manero

Iscritto il:
11 Agosto 2022 alle ore 12:24

Messaggi:
170

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 18:24

Nessuna motivazione a farla prima o dopo. Si tratta solo di valutarne la convenienza e le conseguenze. Per me sarebbe meglio dopo, come dice l'architetto. Se non è la convenienza del risparmio sulle tasse d'acquisto che ti imbarazza, giusto per evitare l'accertamento catastale e della tassazione sull'atto. Per i C3 non ci si può avvalere del cosiddetto prezzo-valore.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

helix46

Iscritto il:
20 Aprile 2024 alle ore 18:11

Messaggi:
11

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 18:43

"Manero" ha scritto:
Nessuna motivazione a farla prima o dopo. Si tratta solo di valutarne la convenienza e le conseguenze. Per me sarebbe meglio dopo, come dice l'architetto. Se non è la convenienza del risparmio sulle tasse d'acquisto che ti imbarazza, giusto per evitare l'accertamento catastale e della tassazione sull'atto. Per i C3 non ci si può avvalere del cosiddetto prezzo-valore.





Infatti, non che stia dichirando un prezzo valore non congruo, però se posso evitarmi l'accertamento ben venga.

Perchè dici meglio dopo? A quali pro?

Se dovessi fare tutto prima e quindi acquistare come C6, rendendo il locale pertinente all'abitazione non ci guadagnerei comunque?

Tu perchè consigli dopo come l'architetto?

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

Manero

Iscritto il:
11 Agosto 2022 alle ore 12:24

Messaggi:
170

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 18:57

"helix46" ha scritto:

Infatti, non che stia dichirando un prezzo valore non congruo, però se posso evitarmi l'accertamento ben venga.

Perchè dici meglio dopo? A quali pro?

Se dovessi fare tutto prima e quindi acquistare come C6, rendendo il locale pertinente all'abitazione non ci guadagnerei comunque?

Tu perchè consigli dopo come l'architetto?



Per evitare l'accertamento catastale. L'ufficio potrebbe riportare l'immobile nella categoria C3, dopo aver eseguito l'atto. La conseguenza dil procedimento è che te hai comprato un C6 sulla carta che poi ti ritrovi nuovamente in C3. Io eviterei questo rischio. L'Agenzia lo sa che fai questo per ottenere un vantaggio fiscale. Se questo lo fai dopo l'atto, almeno l'acquisto lo tieni fuori.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

helix46

Iscritto il:
20 Aprile 2024 alle ore 18:11

Messaggi:
11

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 19:03

"Manero" ha scritto:
"helix46" ha scritto:

Infatti, non che stia dichirando un prezzo valore non congruo, però se posso evitarmi l'accertamento ben venga.

Perchè dici meglio dopo? A quali pro?

Se dovessi fare tutto prima e quindi acquistare come C6, rendendo il locale pertinente all'abitazione non ci guadagnerei comunque?

Tu perchè consigli dopo come l'architetto?



Per evitare l'accertamento catastale. L'ufficio potrebbe riportare l'immobile nella categoria C3, dopo aver eseguito l'atto. La conseguenza dil procedimento è che te hai comprato un C6 sulla carta che poi ti ritrovi nuovamente in C3. Io eviterei questo rischio. L'Agenzia lo sa che fai questo per ottenere un vantaggio fiscale. Se questo lo fai dopo l'atto, almeno l'acquisto lo tieni fuori.



E considerando il fatto che la variazione da C1 a C3 è stata fatta comunque da poco non incide?



Però in realtà, è veramente l'uso che dovrei farne e renderlo pertinenza.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

st-topos

Iscritto il:
22 Ottobre 2005

Messaggi:
864

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 19:11

Buonasera

non credo che l'ufficio possa variare una destinazione d'uso, a maggior ragione se vi è una pratica urbanistica collegata.

In particolar modo per il C/6 a cui è collegato anche l'eventuale rilascio del passo carrabile.

Andiamoci piano con certe affermazioni.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

helix46

Iscritto il:
20 Aprile 2024 alle ore 18:11

Messaggi:
11

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 19:14

"st-topos" ha scritto:
Buonasera

non credo che l'ufficio possa variare una destinazione d'uso, a maggior ragione se vi è una pratica urbanistica collegata.

In particolar modo per il C/6 a cui è collegato anche l'eventuale rilascio del passo carrabile.

Andiamoci piano con certe affermazioni.





Potresti spiegarti meglio?

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

st-topos

Iscritto il:
22 Ottobre 2005

Messaggi:
864

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 19:38

Rispondevo semplicemente al collega che asseriva: "l'ufficio potrebbe riportare l'immobile in C3".

Fai redigere la variazione di destinazione d'uso da locale per attività artigianali in box auto, presenti la variazione catastale in C6 e richiedi il passo carrabile per poter accedere nel loocale.

Credo che sia piuttosto lineare.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

helix46

Iscritto il:
20 Aprile 2024 alle ore 18:11

Messaggi:
11

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 19:46

"st-topos" ha scritto:
Rispondevo semplicemente al collega che asseriva: "l'ufficio potrebbe riportare l'immobile in C3".

Fai redigere la variazione di destinazione d'uso da locale per attività artigianali in box auto, presenti la variazione catastale in C6 e richiedi il passo carrabile per poter accedere nel loocale.

Credo che sia piuttosto lineare.



Se hai letto tutto il testo, in realtà i locali nascono come c1, poi dovendoli vendere hanno fatto la variazione e suddivisione in c3 proprio a Marzo di quest'anno.

L'architetto che ha redatto il tutto, mi ha sempre liquidato dicendomi che una successiva variazione a c6 è da fare sempre e solo dopo il rogito senza darmi motivazioni però.

Tu mi stai dicendo che comunque potrei farla prima del rogito e successivamente acquistare?

O come dicevano su gli altri, rischio comunque un'accertamento?

Non lo rischierei comunque lo stesso visto che ha cambiato gia da c1 a c3?

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

st-topos

Iscritto il:
22 Ottobre 2005

Messaggi:
864

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 19:59

Forse non riesco a farmi capire.

Se lo fai prima del rogito essendo un locale pertinenziale (C6) hai diritto a tutte le agevolazioni prima casa.

Il C3 non da diritto alle agevolazioni prima casa.

Non conosco le tue necessità, ma la problematica mi sembra alquanto frequenta e perciò ovvia.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

helix46

Iscritto il:
20 Aprile 2024 alle ore 18:11

Messaggi:
11

Località

 0 -  0 - Inviato: 23 Aprile 2024 alle ore 20:05

Ho appena parlato con il mio tecnico di fiducia che mi ha espressamente detto:

i documenti sono tutti ok ed in regola

la variazione c3-c6 verrebbe a costare anche oltre i 3k quindi a questo punto non converrebbe.

Domani comunque passo dallo studio e mi faccio dire per bene.



A sto punto, lo comprerei cosi c3, sperando di ottenere il passo carrabile (l'Ing. mi ha detto che non dovrebbero esserci problemi)

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

 

Pagine:  2 - Vai a pagina  successiva

Parole da cercare:
Cerca su:


 
Ultime guide:

 
Ricerca moderatori per il forum:

Nell'ottica di migliorare la qualità dei post e ridurre i "flame", cerchiamo volontari per moderare uno o più forum di GeoLIVE, se siete interessati consultate direttamente il seguente post:

Grazie


 
Convertitore da PDF a libretto DAT:

Servizio gratuito che abbiamo realizzato per estrarre il libretto presente nel PDF rilasciato da SISTER e salvarlo come semplice file DAT da importare direttamente su PREGEO.

 


 
SOLIDARIETA':

 Donare non aiuta...SALVA!

Visita il sito dell'AVIS (www.avis.it) per maggiori informazioni.


 
Il nostro visualizzatore delle mappe catastali:


 
Amici:

Blumatica

Software per l'Edilizia, la Sicurezza e la Topografia

» Consulta l'elenco di tutti i nostri amici «

© 2003-2023 Ezio Milazzo e Antonino S. Cutri'
(Crediti)
HOME  |   FORUM  |   NEWS  |   EVENTI  |   FAQ  |   GLOSSARIO  |   GUIDE
RECENSIONI  |   NORMATIVA CATASTALE  |   ALTRE NORMATIVE  |   DOCUMENTI  |   DOWNLOADS
LINKS  |   BLOG
Chi siamo -  Contatti -  Informazioni legali -  Termini di utilizzo -  Proprietà intellettuale -  Privacy -  Informativa sui cookie