Accedi al portale - Non fai parte della nostra community? Registrati è gratis!
GeoLIVE
4/11/2023 18:28 - Il rollout degli aggiornamenti relativi alla moderazione è ancora in corso, e durerà fino alle 22:30 di lunedi, ci potranno essere sporadici disservizi nel corso della giornata.


 
/ Guide / Procedure e metodologie / Normative / USI CIVICI: CARATTERISTICHE E TIPOLOGI
Guide

Parole da cercare:
Cerca su:

Autore USI CIVICI: CARATTERISTICHE E TIPOLOGI

geoalfa
(GURU)

Iscritto il:
02 Dicembre 2005

Messaggi:
11927

Località
-

Inviato: 14 Febbraio 2024 alle ore 09:27

USI CIVICI: CARATTERISTICHE E TIPOLOGIE

Gli usi civici rappresentano un diritto di godimento spettante a una determinata comunità, gravante solitamente su fondi rustici (pubblici o privati) e che si concretizza:

---> nel diritto di coltivazione,

---> nel diritto di caccia,

---> nel diritto di pascolo

---> nel diritto di legnatico.

Sono diritti la cui origine risale al medioevo e sono nati per dare un sostentamento vitale alle popolazioni, in un momento storico nel quale la terra rappresentava l’unico elemento dal quale le popolazioni potevano ricavare prodotti necessari per la sopravvivenza.

Usi Civici AFFRANCAZIONE

Senso attuale dell’Uso Civico La ratio attuale degli Usi Civici è da ricondurre al valore ideale dell’ambiente e ciò va a favore di tutta la collettività. L’Uso Civico tutela un interesse generale di natura ambientale che va oltre l’interesse di sussistenza della popolazione di un determinato luogo.

Caratteristiche degli Usi Civici

--> Sono imprescrittibili e conseguentemente non si possono estinguere per usucapione di alcuni soggetti oppure per il mancato esercizio. --> Altra caratteristica dell’Uso Civico è la sua inalienabilità.

In altre parole, un atto di vendita fatto senza il rispetto della relativa disciplina è radicalmente nullo.

Tipologie degli Usi Civici

Vi sono due principali categorie di Usi Civici:

--> Usi Civici su terre di dominio della collettività.

--> Usi Civici su terre private.

Caratteristiche dell’Uso Civico insistente su fondo privato Il terreno privato gravato da uso civico è commerciabile, tuttavia, l’alienazione non estingue l’Uso Civico il quale continuerà a insistere sul fondo, limitandone il dominio (fenomeno simile al diritto reale limitato su cosa altrui, simile al diritto d’uso). È possibile dar luogo alla vendita del terreno privato libero dall’uso civico, previa affrancazione del fondo. L’affrancazione del fondo rappresenta una procedura di liquidazione monetaria dell’uso civico e dopo di essa il fondo può circolare liberamente senza limiti di sorta.

Se la procedura di liquidazione non si è ancora verificata, ossia l’affrancazione non è ancora stata compiuta, il bene è trasferibile ma assoggettato all’uso civico e in questo caso il notaio dovrà indicare nel proprio atto l’esistenza dell’uso civico in atto.

Caratteristiche dell’uso civico insistente su fondo pubblico Nel caso si parli di beni collettivi appartenenti a una determinata collettività, cioè agli abitanti di un determinato luogo (esempio gli abitanti dell’associazione agraria o di un Comune ). Queste terre civiche, disciplinate dalla legge 1766/1927, sono per definizione incommerciabili, imprescrittibili e insuscettibili di mutamento di destinazione. Si veda la Legge n. 1766/1927 che disciplina il procedimento per rendere legittima l’alienazione.

Chi sono i soggetti legittimati ad alienare Sono legittimati a vendere quei soggetti che si sono impossessati da almeno dieci anni del bene, anche in modo abusivo, purché l’occupatore vi abbia apportato delle migliorie (artt. 9, 10 L. 1766/1927 e artt. 25, 26 R.D. 332/1928). La legittimazione viene comprovata con un procedimento che inizia con una perizia istruttoria che, previo riscontro da parte del Commissario per gli Usi Civici, va pubblicata nell’albo del Comune. Successivamente viene emessa l’ordinanza di legittimazione di competenza del commissario per gli Usi Civici; e tale provvedimento deve essere approvato dal Ministero di Grazia e Giustizia sentita la Regione.

Parte della giurisprudenza prevede che il provvedimento di legittimazione fa venire meno il vincolo di inalienabilità del terreno e, quindi, il bene diventa commerciabile anche se non c’è stata la assegnazione in categoria.

La legittimazione talvolta può avvenire attribuendo un obbligo di pagamento di un canone a carico del legittimario che diverrebbe una sorta di enfiteuta.

La legittimazione deve essere trascritta (secondo quanto indicato nella Risoluzione dell’Agenzia del Territorio n. 1/2006) e, in questo caso, l’eventuale affrancazione deve essere annotata a tale trascrizione ai sensi dell’art. 2655 comma 2 c.c. (Circolare n. 2/2004 dell’Agenzia del Territorio).

In caso di mancata trascrizione del provvedimento di legittimazione, nell’impossibilità di operare con una domanda di annotazione, si dovrà operare mediante trascrizione dell’affrancazione.

Procedimento di conciliazione

Il procedimento di conciliazione è disciplinato dall’art. 29 della legge del 1927 e stabilisce che in ogni fase del procedimento può essere promosso, sia d’ufficio sia per iniziativa delle parti, un esperimento di conciliazione.

La Cassazione ha affermato che – dopo la conciliazione – il bene da demaniale diventa libero dall’uso civico e quindi

Categorie delle terre civiche

L’importanza della assegnazione a categoria, il bene appartiene alla collettività e il divieto di alienazione è più rigoroso.

L’art. 11 della legge del 1927 suddivide le terre civiche in due categorie e la disciplina che regolamente le due categorie ha una notevole differenza .

--> A) Boschi e Pascolo: terreni destinati a restare di proprietà collettiva; Questi beni, per loro natura, rimangono destinati alla collettività. Il legislatore, tuttavia, prevede un’eccezione per la loro alienabilità. Essi sono alienabili, a titolo oneroso (art. 12 legge del 1927), con un’autorizzazione regionale che deve pervenire in via preventiva rispetto al rogito, a pena di nullità dell’atto.

--> B) Coltura agraria: terreni destinati a essere ripartiti tra i coltivatori locali e successivamente destinati a divenire proprietà privata dei singoli assegnatari. I beni in questa categoria vengono ripartiti tra i coltivatori diretti del luogo (c.d. quotizzazione), con obbligo di migliorie e con l’imposizione di un canone. La ripartizione avviene ai sensi dell’art. 13, comma 1, della L. 1766/1927. L’assegnatario assume la posizione di un enfiteuta ai sensi dell’art. 19 L. 1766/1927 e quindi è previsto un obbligo di miglioria del fondo. Il bene, fino all’affrancazione, non è alienabile e non muta la sua natura di bene demaniale. L’affrancazione è ammessa solo dopo che le migliorie sono state eseguite e accertate ai sensi dell’art. 21 L. 1766/1927. L’eventuale alienazione senza affrancazione viene sanzionata con la nullità. La Corte di Cassazione ha precisato, tuttavia, che è legittimo un contratto preliminare di vendita prima dell’affrancazione. L’affrancazione va richiesta alla competente autorità regionale e una volta ottenuta, il bene perde la sua demanialità e diventando privato di conseguenza è liberamente alienabile.

Conclusioni operative

Nel caso il Notaio percepisca che il terreno è sottoposto a uso civico ( riscontrabile dal certificato di destinazione urbanistica o dal certificato catastale ), da dove si stabilire se : --> Sia di proprietà privata --> Sia di di proprietà pubblica

quindi è fondamentale l’intestazione del bene;

---> Nel caso in cui il fondo sia pubblico, bisogna ritenere assolutamente incommerciabile il bene per il quale non sia avvenuta la c.d. assegnazione in categoria, salvo che il possessore abusivo non sia stato legittimato con il procedimento sopra detto ovvero non sia avvenuta la conciliazione.

---> Nel caso che il fondo appartenga a un privato, il bene è liberamente commerciabile, salvo che non si convenga di addivenire a una preventiva affrancazione;

 
 

 

 

Parole da cercare:
Cerca su:


 
Ultime guide:

 
Ricerca moderatori per il forum:

Nell'ottica di migliorare la qualità dei post e ridurre i "flame", cerchiamo volontari per moderare uno o più forum di GeoLIVE, se siete interessati consultate direttamente il seguente post:

Grazie


 
Convertitore da PDF a libretto DAT:

Servizio gratuito che abbiamo realizzato per estrarre il libretto presente nel PDF rilasciato da SISTER e salvarlo come semplice file DAT da importare direttamente su PREGEO.

 


 
SOLIDARIETA':

 Donare non aiuta...SALVA!

Visita il sito dell'AVIS (www.avis.it) per maggiori informazioni.


 
Il nostro visualizzatore delle mappe catastali:


 
Amici:

TariffeCatastali

Consultazione tariffe d'estimo catastali

» Consulta l'elenco di tutti i nostri amici «

© 2003-2023 Ezio Milazzo e Antonino S. Cutri'
(Crediti)
HOME  |   FORUM  |   NEWS  |   EVENTI  |   FAQ  |   GLOSSARIO  |   GUIDE
RECENSIONI  |   NORMATIVA CATASTALE  |   ALTRE NORMATIVE  |   DOCUMENTI  |   DOWNLOADS
LINKS  |   BLOG
Chi siamo -  Contatti -  Informazioni legali -  Termini di utilizzo -  Proprietà intellettuale -  Privacy -  Informativa sui cookie