Accedi al portale - Non fai parte della nostra community? Registrati è gratis!
GeoLIVE
4/11/2023 18:28 - Il rollout degli aggiornamenti relativi alla moderazione è ancora in corso, e durerà fino alle 22:30 di lunedi, ci potranno essere sporadici disservizi nel corso della giornata.


 
/ Guide / Procedure e metodologie / Normative / Regolarizzare la planimetria catastale di casa qua...
Guide

Parole da cercare:
Cerca su:

Autore Regolarizzare la planimetria catastale di casa quando prima

geoalfa
(GURU)

Iscritto il:
02 Dicembre 2005

Messaggi:
12042

Località
-

Inviato: 11 Maggio 2023 alle ore 18:29

Regolarizzare la planimetria catastale di casa quando prima del rogito si riscontra una difformità
Prima del rogito di compravendita di un immobile è necessario verificare la corrispondenza con lo stato di fatto della planimetria catastale, pena la nullità.

Questa disposizione legislativa fu introdotta il 1Lug2010, ha apportato importanti conseguenze per coloro che devono vendere la casa.
Nel passato numerosi immobili, in particolare in condominio, sono stati modificati senza che il proprietario richiedesse la necessaria autorizzazione e/o senza provvedere all’aggiornamento
della planimetria catastale in seguito agli interventi di modifica della distribuzione interna (spostamento di tramezzi, creazione di nuove stanze e/o bagni).
In questi casi bisogna procedere con la regolarizzazione dello stato urbanistico (in comune) e catastale (al catasto).
SOLO in caso di piccole difformità (come descritto dalla Circ. 02/2010 dell' AdE) è possibile evitare la variazione.

Conformità allo stato di fatto e dichiarazione di un tecnico
Prima di un rogito di un immobile, ma anche in caso di donazione e divisioni, il notaio ha l’obbligo di verificare se lo stato di fatto è conforme ai dati catastali.

La verifica della toponomastica e la planimetria concerne principalmente gli intestatari.

La conformità deve essere specificamente dichiarata all’interno dell’atto da parte del venditore e la planimetria catastale va allegata al rogito.
Le conseguenze per una dichiarazione falsa sono importanti e comportano anche la nullità dell’atto.
La normativa permette di avvalersi dell’ausilio di un tecnico abilitato che può redigere un attestato di conformità con cui dichiara la rispondenza tra stato di fatto e dati catastali, in questo modo la responsabilità della dichiarazione è sostenuta dal tecnico e non dal venditore né dal notaio.
Verificare la conformità catastale sin dal compromesso per evitare ritardi per aggiornamenti dovuti ad eventuali difformità, perché per l'adeguamento dei documenti, a volte, possono passare anche diversi mesi.

Situazione catastale ed amministrativa
La variazione catastale è una procedura che permette di modificare dei dati catastali.
Relativamente alle verifiche da effettuare prima della compravendita di un immobile, sia da parte del venditore che del compratore, oltre alla situazione ipotecaria va verificata la documentazione urbanistica-edilizia e catastale.

Cosa verificare prima dell’acquisto di un immobile
1) Stato urbanistico-edilizio
Ogni immobile ha una “legittimità urbanistica” espressa da una licenza edilizia, concessione edilizia o permesso di costruire.
E’ importante che lo stato di fatto sia conforme all’ultimo progetto edilizio presentato e protocollato dal comune, nel caso contrario gli interventi sono da considerarsi realizzati in maniera “abusiva o irregolare” cioè non conformi alle leggi che disciplinano gli interventi edilizi (TU DPR 380/01).
E' utile specificare che, se le modifiche realizzate nell'immobile, non rispettano le normative edilizie, potrebbe non essere possibile sanare l'irregolarità (o l'abuso) e quindi bisognerà procedere con un "ripristino dello stato legittimato".
Purtroppo in questa situazione si trovano anche proprietari che non hanno effettuato interventi senza autorizzazione ma hanno ereditato lo stato di fatto dal vecchio rogito.

2) Stato catastale
E’ possibile che dal punto di vista urbanistico-edilizio l’immobile sia regolare ma che lo
stato di fatto non sia coincidente con la planimetria catastale.
La soluzione di questo problema è di norma agevole e comporta solamente una “variazione” presso gli uffici catastali.
La variazione catastale può essere giustificata come "esatta rappresentazione grafica", "diversa distribuzione interna" o "altre causali".
E' fondamentale sapere che il disegno catastale "non è probatorio", cioè quello che viene rappresentato nella planimetria catastale non è un'autorizzazione e non rappresenta una legittimità edilizia; Mentre il documento amministrativo del comune (Licenza, concessione , permesso di costruire, DIA, Cil, etc) depositato e protocollato rappresenta quello che è stato regolarmente dichiarato ed autorizzato.

Quindi: prima va verificata la regolarità urbanistica-amministrativa e successivamente va verificata la regolarità catastale.
La variazione catastale va presentata dopo che è stata verificata la regolarità urbanistica-amministrativa.

Come regolarizzare lo stato di fatto?
1) Se nel passato si è realizzato degli interventi regolari ma senza modificare la planimetria catastale va redatta la variazione catastale da consegnare con la procedura DOCFA all’ufficio provinciale dell’Agenzia delle Entrate.
2) Se invece si sono realizzati degli interventi senza comunicare o depositare l’autorizzazione al comune oppure si ereditato una difformità dal vecchio proprietario la situazione è più complicata e la soluzione dipende da diversi fattori:

Bisogna conoscere quando sono stati effettuati i lavori e in cosa sono consistiti ricercando i vecchi titoli abilitativi (concessione, licenza edilizia, etc).

Ultimo aggiornamento: 11 Maggio 2023 alle ore 18:35
 
 

 

 

Parole da cercare:
Cerca su:


 
Ultime guide:

 
Ricerca moderatori per il forum:

Nell'ottica di migliorare la qualità dei post e ridurre i "flame", cerchiamo volontari per moderare uno o più forum di GeoLIVE, se siete interessati consultate direttamente il seguente post:

Grazie


 
Convertitore da PDF a libretto DAT:

Servizio gratuito che abbiamo realizzato per estrarre il libretto presente nel PDF rilasciato da SISTER e salvarlo come semplice file DAT da importare direttamente su PREGEO.

 


 
SOLIDARIETA':

 Donare non aiuta...SALVA!

Visita il sito dell'AVIS (www.avis.it) per maggiori informazioni.


 
Il nostro visualizzatore delle mappe catastali:


 
Amici:

VisualTAF

Il portale dei Punti Fiduciali

» Consulta l'elenco di tutti i nostri amici «

© 2003-2023 Ezio Milazzo e Antonino S. Cutri'
(Crediti)
HOME  |   FORUM  |   NEWS  |   EVENTI  |   FAQ  |   GLOSSARIO  |   GUIDE
RECENSIONI  |   NORMATIVA CATASTALE  |   ALTRE NORMATIVE  |   DOCUMENTI  |   DOWNLOADS
LINKS  |   BLOG
Chi siamo -  Contatti -  Informazioni legali -  Termini di utilizzo -  Proprietà intellettuale -  Privacy -  Informativa sui cookie