Accedi al portale - Non fai parte della nostra community? Registrati è gratis!
GeoLIVE
4/11/2023 18:28 - Il rollout degli aggiornamenti relativi alla moderazione è ancora in corso, e durerà fino alle 22:30 di lunedi, ci potranno essere sporadici disservizi nel corso della giornata.


 
/ Forum / Altro / ETICA E DEONTOLOGIA PROFESSIONALE / Rispetto e sufficienza
Forum

Parole da cercare:
Cerca su:

SEGUI ARGOMENTO

Autore Rispetto e sufficienza

Leo
Leonardo Gualandi (leometra@gmail.com)
» ACCOUNT NON PIU' ATTIVO
(GURU)

Iscritto il:
30 Agosto 2003

Messaggi:
998

Località
Castel del Rio

 0 -  0 - Inviato: 05 Aprile 2013 alle ore 08:25

Salve.

In uno stesso post già altrove richiamato

www.geolive.org/forum/pregeo-e-docfa/pri...

mi pare che sia stato toccato più a fondo di quanto è ufficialmente apparso anche il tema del rispetto reciproco in caso di contraddittorio.

In quell'esempio si specificava il titolo dei Tecnici di controparte, e questo ha indotto il risentimento di Svsk8 che ha giustamente rivendicato il rispetto per la propria Categoria.

Ho scorso nuovamente tutto il post, rilevando che non c'era nessuna esplicita accusa ai due in quanto in possesso di un determinato titolo, ma non posso negare di aver percepito un sussiego tale in alcune espressioni da giustificare il risentimento. Alle volte non nominare qualcuno è peggio che farlo, se si ha lo scopo di "offendere": si può parlare di Leonardo e non offenderlo, e parlare di Leonardo come di "quel signore", e già per questo offenderlo... Anche se ovviamente non è cosa automatica, in quanto dipende dal contesto e da una serie di altri elementi.

Non volevo comunque qui approfondire questo tema, ma prendervi spunto per altre riflessioni. Perché certo non è quello l'unico caso a cui abbiamo assistito!

Ci sono diversi ambiti che possono interessarci: il rapporto fra Professionisti, quello fra le Parti e qiello fra Parti e Professionisti.

Il primo, sopra direttamente richiamato, è spesso mal impostato perché da principio almeno uno dei due che si trovano a confronto percepisce la propria appartenenza diversa da quella dell'altro; superiore o inferiore che si consideri, il rapporto parte già sbilanciato! È innegabile che il possesso o meno di una laurea incida più o meno consciamente su queste sensazioni a priori; ma spesso anche l'intima convinzione di un maggior o minore prestigio della laurea stessa ha identico effetto. Sarebbe bene tener presente che queste valutazioni, che esulano dalla trattazione tecnica in corso, possono danneggiare i propri Committenti; dunque potrebbe essere un buon "allenamento" lasciarle da parte anche in sedi discorsive come il forum.

Il rapporto fra le Parti non coinvolge immediatamente i Tecnici; ma alzi la mano chi non ha mai riscontrato atteggiamenti di sufficienza del cittadino verso il contadino, dell'istruito verso l'ignorante (dato per scontato, cosa che non è, che esista un modo per valutare correttamente l'istruzione). Se manca il rispetto fra le Parti, il Professionista può indirizzare il proprio Committente verso un approccio più corretto alla controparte.

Quand'anche non succede che il Professionista stesso si ritiene superiore a cui tutela, pastore; oppure si sente soggiogato dal Committente, illustre cattedratico. Tutti atteggiamenti che mi pare possano incidere negativamente sulla condotta tecnica, sottovalutando il pastore o assecondando indiscriminatamente il cattedratico e diventando così un suo mediocre strumento a danno di una terza parte, incolpevole.

Infine suggerisco una riflessione sulla condizione Professionale: Libero Professionista colui che gestisce la propria professionalità autonomamente, Professionista Dipendente colui che la esprime all'interno di un'organizzazione di cui altri hanno la responsabilità complessiva. Evidentemente a priori non c'è motivo alcuno per mancare di rispetto a uno o all'altro, trattandolo con sufficienza...

E non vado oltre, per lasciare a ognuno la piena autonomia di riflessione.

Leonardo

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

 

Autore Risposta

jema

(GURU)

Iscritto il:
26 Aprile 2007

Messaggi:
2106

Località
in giro in giro creek

 0 -  0 - Inviato: 09 Aprile 2013 alle ore 13:00

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

Leo
Leonardo Gualandi (leometra@gmail.com)
» ACCOUNT NON PIU' ATTIVO
(GURU)

Iscritto il:
30 Agosto 2003

Messaggi:
998

Località
Castel del Rio

 0 -  0 - Inviato: 20 Aprile 2013 alle ore 11:08

Grazie del contributo, Emanuele; anche se i miei limiti me ne complicano l'intima comprensione.

Provo a interpretare che la calma (o l'invito alla stessa) sottintenda e implichi il reciproco rispetto. Cosa che non credo, perché penso che sia solamente un eccellente punto di partenza: se non sono calmo corro un maggior rischio di trascendere; ma la maggior efficacia di giudizio che mi deriva dalla calma potrebbe comunque essere adoperata contro il mio interlocutore per adottare una strategia di ostentato rispetto e un comportamento di sufficienza sostanzialmente alquanto irriguardoso. E foriero per lui di irritazione, con conseguente allontanamento dal reciproco rispetto che mi parrebbe bene assurgesse a metodo per i Consulenti Professionali.

Leonardo

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

totonno
(GURU)
» ACCOUNT NON PIU' ATTIVO

Iscritto il:
19 Maggio 2006

Messaggi:
8611

Località
Firenze

 0 -  0 - Inviato: 20 Aprile 2013 alle ore 14:34

"Leo" ha scritto:
Grazie del contributo, Emanuele; anche se i miei limiti me ne complicano l'intima comprensione.
Leonardo



Leo, non l'ho capita neppure io. probabilmente bisognerebbe tutti darsi una calmata, è questo che intende dire Jema, secondo me. Nella vita frenetica di tutti i giorni dobbiamo effettivamente un attimo fermarsi e riflettere con calma. Il mio è un discorso ovvio mentre quello di Jema è più sofisticato.

Ciao.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

st-topos

Iscritto il:
22 Ottobre 2005

Messaggi:
945

Località

 0 -  0 - Inviato: 11 Giugno 2024 alle ore 09:27

Buongiorno

riprendo questa vecchia discussione e aggiungo quanto affermato da Muti nel concerto all'Arena di Verona

"........l’orchestra è il sinonimo di società. Ci sono i violini, i violoncelli, le viole, oboe, trombone… Ognuno di loro spesso ha parti completamente diverse, ma devono concorrere tutti a un unico bene, che è quello dell’armonia di tutti, chiaro?..........." ritengo utile una meditazione



www.open.online/2024/06/07/riccardo-muti...

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

 

Parole da cercare:
Cerca su:


 
Ultime guide:

 
Ricerca moderatori per il forum:

Nell'ottica di migliorare la qualità dei post e ridurre i "flame", cerchiamo volontari per moderare uno o più forum di GeoLIVE, se siete interessati consultate direttamente il seguente post:

Grazie


 
Convertitore da PDF a libretto DAT:

Servizio gratuito che abbiamo realizzato per estrarre il libretto presente nel PDF rilasciato da SISTER e salvarlo come semplice file DAT da importare direttamente su PREGEO.

 


 
SOLIDARIETA':

 Donare non aiuta...SALVA!

Visita il sito dell'AVIS (www.avis.it) per maggiori informazioni.


 
Il nostro visualizzatore delle mappe catastali:


 
Amici:

Nicola Paolo Maria Ramundo

Sviluppo software per Topografia, PreGeo, DocFa, CAD 2D/3D

» Consulta l'elenco di tutti i nostri amici «

© 2003-2023 Ezio Milazzo e Antonino S. Cutri'
(Crediti)
HOME  |   FORUM  |   NEWS  |   EVENTI  |   FAQ  |   GLOSSARIO  |   GUIDE
RECENSIONI  |   NORMATIVA CATASTALE  |   ALTRE NORMATIVE  |   DOCUMENTI  |   DOWNLOADS
LINKS  |   BLOG
Chi siamo -  Contatti -  Informazioni legali -  Termini di utilizzo -  Proprietà intellettuale -  Privacy -  Informativa sui cookie