Condividi pagina su: Accedi al portale - Non fai parte della nostra community? Registrati è gratis!
GeoLIVE

 
/ Guide / Procedure e metodologie / Docfa / Consistenza catastale e superficie catastale
Guide

Parole da cercare:
Cerca su:

Autore Consistenza catastale e superficie catastale

geoalfa
(GURU)

Iscritto il:
02 Dicembre 2005

Messaggi:
8798

Località
San Severino Marche

Inviato: 22 Maggio 2013 alle ore 07:50

Domanda:
Un C/6 coperto con tetto a falda con annessa soffitta di h max 230 e h min 60 (così realizzato per mantenere uniformità della tipologia edilizia della zona, fatta di villette con tetti a falda), accessibile indirettamente dall'esterno).
Cosa vuol dire, che nella consistenza inserisco per intero anche la superficie di accessori indiretti non comunicanti?
Poichè è la consistenza che determina poi la rendita (e non la superficie catastale calcolata automaticamente da docfa) è normale che gli accessori indiretti abbiano lo stesso "peso" degli ambienti principali?

Risposta:
Rsposta inerente la parte di normativa catastale (che ha innescato la discussione) senza entrare in quella urbanistica.

"Nel caso in argomento quindi (garage + soffitta con h variabile) la consistenza catastale è data da:
Cons. Cat. = somma delle superfici nette dei due locali
(sono i dati indicati nel quadro C/2 del mod. 1N parte II - mq. utili).

Da notare che in nessuna norma o prassi citata si fa riferimento alle altezze dei locali, quindi si calcola l'intera superficie, indipendentemente dall'altezza degli stessi.

Caso mai di ciò se ne può tener conto nell'attribuzione della prevista aggiunta o detrazione percentuale prevista sempre dal paragrafo 15 dell'Istruzione anzidetta", quindi supponendo che:
+ la superficie netta del garage sia di mq. 18,50
- quella della soffitta di mq. 16.30 (tutta la superficie netta indipendentemete dall'altezza del locale),
= la consistenza sarebbe di mq. 34,80.

A questa consistenza si dovrebbe applicare la prevista aggiunta o detrazione prevista dalla prassi nella misura massima:
- del 10% (max 20% solo per la categoria C/1).

In un caso normale (altezze normali e presenza di utilità comuni) potrei applicare una maggiorazione del 3% che porta la nostra consistenza a 34,80 + 3% = mq. 35,84 arrotondato a mq. 36,00 che quantifica la consistenza catastale.

Nel nostro caso particolare, per tener conto dello "svantaggio" della non utilizzabilità di quella parte di soffitta con altezza in parte non sfruttabile, potrei applicare una "detrazione" del 10% (il massimo consentito) e quindi 34,80 - 10% = mq. 31,32 arrotondati a mq. 31,00.

Naturalmente per quanto riguarda la superficie catastale, questa è data da:
- somma delle superfici lorde relative ai poligoni del garage, della porzione di soffitta con h > 1.50 e dalla porzione di soffitta con h < 1.50 e sarebbe la medesima per i due casi sopra indicati).

Tutto questo è previsto dalle norme e dalla prassi relative alla consistenza catastale.

***** ***** ***** *****
da: http://www.geolive.org/forum/pregeo-e-...


********************
marlin; pdvul17; geoalfa

Ultimo aggiornamento: 09 Giugno 2013 alle ore 10:31
 
 

 

 

Parole da cercare:
Cerca su:


 
Amici:

TariffeCatastali

Consultazione tariffe d'estimo catastali

» Consulta l'elenco di tutti i nostri amici «

© 2003-2014 Ezio Milazzo e Antonino S. Cutri'
HOME  |   NEWS  |   SONDAGGI  |   EVENTI  |   FAQ  |   FORUM  |   GLOSSARIO  |   GUIDE
RECENSIONI  |   NORMATIVA CATASTALE  |   ALTRE NORMATIVE  |   DOCUMENTI  |   DOWNLOADS
LINKS  |   GURU  |   FIDUCIALI E MISURATE  |   BLOG
Chi siamo -  Contatti -  Informazioni legali -  Termini di utilizzo -  Proprietà intellettuale -  Privacy Realizzazione: antoninocutri.com