Condividi pagina su: Accedi al portale - Non fai parte della nostra community? Registrati è gratis!
GeoLIVE

 
/ Forum / PREGEO e DOCFA / PREGEO / Posto auto scoperto
Forum

Parole da cercare:
Cerca su:

SEGUI ARGOMENTO

Autore Posto auto scoperto

ron93443

Iscritto il:
25 Maggio 2011

Messaggi:
21

Località

Inviato: 18 Luglio 2013 alle ore 14:23

Devo inserire in mappa un nuovo fabbricato costituito da 8 appartamenti , 4 al piano terra e 4 al piano primo e 6 box al piano interrato , gli appartamenti al piano terra hanno ciascuno una corte pertinenziale esclusiva , esistono anche bnc quali corsello accesso condominiale e rampa box e esistono 2 posti auto da censire in C/6 che sono all'interno delle corti pertinenziali di due appartamenti . Fermo restando che per quanto riguarda il fabbricato , le corti pertinenziali e i bnnc vorrei utilizzare una sola particella frazionandola successivamente con l'elaborato planimetrico , ho un dubbio per i posti auto scoperti , è necessario che abbiamo delle particelle distinte al catasto terreni come se fossero aree urbane (ho provato a leggere la circolare 4/2009 ma parla solo di particelle autonome per quanto riguarda la cat. F/1 e non menziona i C/6 scoperti) oppure si può procedere all'identificazione frazionandoli solo all'urbano con elaborato planimetrico ??

Grazie

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

 

Autore Risposta

totonno
» ACCOUNT NON PIU' ATTIVO

Iscritto il:
19 Maggio 2006

Messaggi:
3773

Località

Inviato: 18 Luglio 2013 alle ore 15:45

"ron93443" ha scritto:
Devo inserire in mappa un nuovo fabbricato costituito da 8 appartamenti , 4 al piano terra e 4 al piano primo e 6 box al piano interrato , gli appartamenti al piano terra hanno ciascuno una corte pertinenziale esclusiva , esistono anche bnc quali corsello accesso condominiale e rampa box e esistono 2 posti auto da censire in C/6 che sono all'interno delle corti pertinenziali di due appartamenti . Fermo restando che per quanto riguarda il fabbricato , le corti pertinenziali e i bnnc vorrei utilizzare una sola particella frazionandola successivamente con l'elaborato planimetrico , ho un dubbio per i posti auto scoperti , è necessario che abbiamo delle particelle distinte al catasto terreni come se fossero aree urbane (ho provato a leggere la circolare 4/2009 ma parla solo di particelle autonome per quanto riguarda la cat. F/1 e non menziona i C/6 scoperti) oppure si può procedere all'identificazione frazionandoli solo all'urbano con elaborato planimetrico ??

Grazie



I beni comuni non censibili devono essere già identificati e costituiti prima del primo atto di compravendita anche di una sola porzione di fabbricato che sul quei beni ha diritto in quota parte. Se hai intenzione di farlo dopo, crei un bel pasticcio.

I posti auto si devono costituire come subalterni e non come particelle aree urbane se costruiti fisicamente nel lotto originario anche se compravenduti singolarmente a soggetti non proprietari di porzioni del fabbricato costruito sullo stesso lotto. E' determinante nel caso di alienazione dei posti auto, capire se questi siano nel permesso di costruire vincolati o meno alle abitazioni, ma sempre come subalterni si devono trattare avendo il necessario requisito di essere fisicamente all'interno dello stesso lotto edificato.

Ciao.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

ron93443

Iscritto il:
25 Maggio 2011

Messaggi:
21

Località

Inviato: 18 Luglio 2013 alle ore 16:10

"totonno" ha scritto:
"ron93443" ha scritto:
Devo inserire in mappa un nuovo fabbricato costituito da 8 appartamenti , 4 al piano terra e 4 al piano primo e 6 box al piano interrato , gli appartamenti al piano terra hanno ciascuno una corte pertinenziale esclusiva , esistono anche bnc quali corsello accesso condominiale e rampa box e esistono 2 posti auto da censire in C/6 che sono all'interno delle corti pertinenziali di due appartamenti . Fermo restando che per quanto riguarda il fabbricato , le corti pertinenziali e i bnnc vorrei utilizzare una sola particella frazionandola successivamente con l'elaborato planimetrico , ho un dubbio per i posti auto scoperti , è necessario che abbiamo delle particelle distinte al catasto terreni come se fossero aree urbane (ho provato a leggere la circolare 4/2009 ma parla solo di particelle autonome per quanto riguarda la cat. F/1 e non menziona i C/6 scoperti) oppure si può procedere all'identificazione frazionandoli solo all'urbano con elaborato planimetrico ??

Grazie



I beni comuni non censibili devono essere già identificati e costituiti prima del primo atto di compravendita anche di una sola porzione di fabbricato che sul quei beni ha diritto in quota parte. Se hai intenzione di farlo dopo, crei un bel pasticcio.

I posti auto si devono costituire come subalterni e non come particelle aree urbane se costruiti fisicamente nel lotto originario anche se compravenduti singolarmente a soggetti non proprietari di porzioni del fabbricato costruito sullo stesso lotto. E' determinante nel caso di alienazione dei posti auto, capire se questi siano nel permesso di costruire vincolati o meno alle abitazioni, ma sempre come subalterni si devono trattare avendo il necessario requisito di essere fisicamente all'interno dello stesso lotto edificato.

Ciao.



Certo i bcnc vengono creati contestalmente all'accatastamento per nuova costruzione e frazionati in subalterni cosi' come i cortili pertinenziali, il mio unico dubbio era quello relativo ai posti auto scoperti in C/6 che sono all'interno delle corti pertinenziali di due appartamenti e non sapevo se era possibile attribuire i subalterni oppure una particella separata al catasto terreni visto che devo ancora presentare il pregeo .

Grazie

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

SIMBA64
» ACCOUNT NON PIU' ATTIVO

Iscritto il:
09 Dicembre 2011

Messaggi:
3012

Località

Inviato: 18 Luglio 2013 alle ore 16:23

"ron93443" ha scritto:


il mio unico dubbio era quello relativo ai posti auto scoperti in C/6 che sono all'interno delle corti pertinenziali di due appartamenti e non sapevo se era possibile attribuire i subalterni oppure una particella separata al catasto terreni visto che devo ancora presentare il pregeo .





Salve

Dubbio e domanda più che leciti, comunque sappi che nessuno ti può impedire, se hai motivo d'interesse tuo particolare, eventualmente di frazionare anche ai terreni per identificare i C6.

Se invece decidi di identificare i C6 solo con elaborato planimetrico, è importante allegare all'E.P. uno sviluppo quotato con misure precise che determinano la posizione dei posti auto all'interno del lotto.

Saluti cordiali

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

ron93443

Iscritto il:
25 Maggio 2011

Messaggi:
21

Località

Inviato: 18 Luglio 2013 alle ore 16:42

Salve

Dubbio e domanda più che leciti, comunque sappi che nessuno ti può impedire, se hai motivo d'interesse tuo particolare, eventualmente di frazionare anche ai terreni per identificare i C6.

Se invece decidi di identificare i C6 solo con elaborato planimetrico, è importante allegare all'E.P. uno sviluppo quotato con misure precise che determinano la posizione dei posti auto all'interno del lotto.

Saluti cordiali[/quote]



Non capisco sviluppo quotato , occorre allegarlo al Docfa ? non è sufficiente la scheda catastale 1/200 con ben evidenziati i confini e un elaborato planimetrico ben fatto magari in formato A/3 e in scala 1/200 .

Grazie

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

SIMBA64
» ACCOUNT NON PIU' ATTIVO

Iscritto il:
09 Dicembre 2011

Messaggi:
3012

Località

Inviato: 18 Luglio 2013 alle ore 16:59

"ron93443" ha scritto:


Non capisco sviluppo quotato , occorre allegarlo al Docfa ? non è sufficiente la scheda catastale 1/200 con ben evidenziati i confini e un elaborato planimetrico ben fatto magari in formato A/3 e in scala 1/200 .



Salve

Quando i sub. di una particella del catasto urbano (cioè del docfa) non sono fisicamente rappresentati nella mappa ai terreni, è buona norma posizionarli nell'elaborato planimetrico con uno sviluppo quotato. E ti consiglierei anche con misure assunte sul posto (quindi con misure reali), questo consente a chi dovrà intervenire dopo di te di capire esattamente sul posto la posizione dei posti auto.

Può essere che la tua AdE-territorio accetti l'E.P. anche senza lo sviluppo quotato, ma questo potrebbe dare adito nel tempo a contestazioni.

Ti faccio un esempio, se uno di quei posti auto che tu andrai a creare dovesse essere venduto a terzi e questa terza persona vuole verificare le esatte dimensioni del suo posto auto, come fa?? Se non esistono misure precise per farlo??



Saluti cordiali

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

totonno
» ACCOUNT NON PIU' ATTIVO

Iscritto il:
19 Maggio 2006

Messaggi:
3773

Località

Inviato: 18 Luglio 2013 alle ore 17:08

"ron93443" ha scritto:

Certo i bcnc vengono creati contestalmente all'accatastamento per nuova costruzione e frazionati in subalterni cosi' come i cortili pertinenziali, il mio unico dubbio era quello relativo ai posti auto scoperti in C/6 che sono all'interno delle corti pertinenziali di due appartamenti e non sapevo se era possibile attribuire i subalterni oppure una particella separata al catasto terreni visto che devo ancora presentare il pregeo .

Grazie



I C6 sono pertinenziali di due appartamenti appartenenti all'edificio, quindi fanno parte dello stesso lotto per questo motivo NON DEVI DIVIDERE IL LOTTO IN ULTERIORI PARTICELLE ma rappresentarli nell'EP. E' ovvio che l'elaborato planimetrico debba essere esattamente dimensionalmente corrispondente allo stato di fatto anche come consistenza dei vari subalterni compreso i posti auto. Se la grafica dell'EP rispecchia esattamente lo stato di rilevo costruito non hai problemi a determinare la posizione di tutti i subalterni evitando qualsiasi contestazione.

Ciao.

Antonio.

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

SIMBA64
» ACCOUNT NON PIU' ATTIVO

Iscritto il:
09 Dicembre 2011

Messaggi:
3012

Località

Inviato: 18 Luglio 2013 alle ore 17:22

Ciao Antonio

Sembra tutto ovvio, ma i problemi sono sempre alle porte, meglio lavorare un pò di più all'impianto/inizio della pratica che avere qualche guaio in futuro.

Io personalmente ho assistito a cause civili con problematiche inerenti a elaborati planimetrici mal fatti, misure non corrispondenti alla realtà.

I miei sono meramente dei consigli, dopo uno è libero di fare come vuole, però adesso che mi ricordo c'è pure una circolare (circ. n. 15 del 1985) che parla di sviluppi quotati nell'E.P.(a discrezionalità del tecnico), ma essendo abbastanza vecchia mi sfugge il protocollo e l'anno.
Ma in rosso l'ho individuata

Riciao M....re

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

ron93443

Iscritto il:
25 Maggio 2011

Messaggi:
21

Località

Inviato: 18 Luglio 2013 alle ore 19:05

Vi ringrazio, adesso ho le idee chiare .

Cordiali Saluti

Roberto

Devi essere un utente registrato per rispondere a questo messaggio
 
 

 

Parole da cercare:
Cerca su:


 
Amici:

Tipologie e esempi DOCFA

Tipologie ed esempi DOCFA 2013 a cura del Geom. Gionata Laudani

» Consulta l'elenco di tutti i nostri amici «

© 2003-2014 Ezio Milazzo e Antonino S. Cutri'
HOME  |   NEWS  |   SONDAGGI  |   EVENTI  |   FAQ  |   FORUM  |   GLOSSARIO  |   GUIDE
RECENSIONI  |   NORMATIVA CATASTALE  |   ALTRE NORMATIVE  |   DOCUMENTI  |   DOWNLOADS
LINKS  |   GURU  |   FIDUCIALI E MISURATE  |   BLOG
Chi siamo -  Contatti -  Informazioni legali -  Termini di utilizzo -  Proprietà intellettuale -  Privacy Realizzazione: antoninocutri.com